An A-Z Guide To The Search For Plato's Atlantis

Latest News

  • Joining The Dots

    Joining The Dots

    I have now published my new book, Joining The Dots, which offers a fresh look at the Atlantis mystery. I have addressed the critical questions of when, where and who, using Plato’s own words, tempered with some critical thinking and a modicum of common sense.Read More »
Search

Recent Updates

Archive 6912

March 26, 2003 MYSTERY

Alberto Arecchi

La Fine di Atlantide The End of Atlantis

DOWNLOAD PDF 880 KB


Immaginiamo di ritornare indietro nel tempo, 3300 anni fa, intorno all’anno 1300 aC (ossia novemila mesi – e non novemila anni – prima di Solone, dalla cui narrazione il filosofo Platone trasse le proprie informazioni su Atlantide). Imagine we go back in time, 3300 years ago, around the year 1300 BC (or nine thousand months – and not nine thousand years – before Solon, from whose narration Plato philosopher drew his information about Atlantis).
Quello che oggi è il Mare Mediterraneo doveva essere a quel tempo distinto in due mari, posti a quote diverse e privi di comunicazioni reciproche. What is now the Mediterranean Sea had to be at that time divided into two seas, at different heights and with no communication between them.
Ad ovest, il bacino costituito dal Mediterraneo occidentale e dal Tirreno era – come oggi – in comunicazione con le acque dell’Oceano, attraverso lo stretto dell’attuale Gibilterra, che si era aperto più di mille anni prima, e le sue acque avevano ormai raggiunto un livello simile a quello odierno, grazie all’apporto costante garantito dall’apertura di quella bocca di comunicazione con le acque oceaniche. To the west, the basin consists of the western Mediterranean and the Tyrrhenian were – like today – in communication with the waters of the Ocean, through the Strait of the Gibraltar, which was opened more than a thousand years earlier, and its waters had now reached a level similar to that of today, thanks to the constant guaranteed by the opening of the mouth of communication with the ocean waters.
Un secondo mare, ad est, andava dalla Piccola Sirte alla costa siro-palestinese e comprendeva lo Ionio, il basso Adriatico e il Mar di Candia (mentre il territorio Egeo, tutto emerso, costituiva una vasta pianura costellata di rilievi montuosi di origine vulcanica). A second sea, to the east, went from the Small Sirte to Syro-Palestinian coast and included the Ionian Sea, the Adriatic sea and the Sea of ??Candia (while the Aegean territory, all emerged, was a vast plain dotted with mountains of volcanic origin) . Esso era ben separato dal primo, perché al posto dello stretto di Messina esisteva un istmo roccioso e quello che oggi è il canale di Sicilia era allora una fertile pianura, irrigata da fiumi e protetta da alte montagne, che scendeva dolcemente verso le sponde del mare inferiore. It was well separated from the first, because instead of the Strait of Messina, there was a rocky isthmus and what is now the Strait of Sicily was then a fertile plain, watered by rivers and protected by high mountains, descending gently to the shores of the Sea lower.
Le acque del Mediterraneo orientale dovevano trovarsi ad una quota di circa 300 m sotto quella odierna. The waters of the eastern Mediterranean had to be at an altitude of about 300 m below today’s. Faremo riferimento a questa quota come “livello zero” per misurare le altitudini relative. We will refer to this dimension as “ground zero” to measure the relative altitudes.
All’estremo occidente del Mediterraneo orientale, non lontano da dove ora si erge l’isola di Malta, due strette imboccature davano accesso ad un grande golfo, profondo oltre mille metri. The extreme west of the eastern Mediterranean, not far from where now stands the island of Malta, two narrow openings gave access to a great gulf, deep more than a thousand meters. Intorno a quel golfo, protetto alla sua imboccatura da una vasta isola, era sorta una civiltà fiorente, fondata da una stirpe libica che era forse scesa sino a qui dalle alte montagne del sud. Around that gulf, protected at its entrance by a large island, had risen a thriving civilization, founded by a Libyan tribe that was perhaps dropped up to here from the high mountains of the south.
Chi fosse provenuto da oriente, da Creta o dall’Egitto, avrebbe visto una costa rocciosa, piuttosto ripida, nella quale si aprivano due stretti, ai lati di un’ampia isola, con un’estensione compresa tra 11.000 e 17.000 km2, che si ergeva sino ad una collina di circa 150 m. Who was originated from the east, from Crete or Egypt, would see a rocky coastline, pretty steep, in which there were two narrow, the sides of a large island, with an area of ??between 11,000 and 17,000 km2, which is stood up to a hill of about 150 m. I due stretti a nord e ad ovest dell’isola misuravano tra i 15 ei 30 km. The two narrow north and west of the island measured between 15 and 30 km. Poteva però essere anche una penisola, con un solo stretto alla sua estremità nord, quale unico accesso al grande golfo. However, could also be a peninsula, with only close to its northern end, as the only access to the great gulf.
Possiamo identificare in questo sistema di stretti le “colonne d’Eracle” dell’antica mitologia (e una delle due “colonne” appare identificabile nel massiccio roccioso dell’attuale isola di Malta). We can identify in this system close the “Pillars of Hercules” ancient mythology (and one of the two “columns” appears identifiable in the rocky massif of the island of Malta).
Le alture più elevate di quel sistema emergono ancora dal mare del canale di Sicilia e sono: Pantelleria, le isole Pelagie (Lampedusa e Linosa), le isole maltesi. The highest hills of that system still emerging from the sea in the Strait of Sicily and Pantelleria, the Pelagie Islands (Lampedusa and Linosa), the Maltese Islands.
Lungo la sponda settentrionale del golfo si ergeva un sistema di rilievi, un po’ più elevato di 500 m, che dominava il panorama (le attuali isole maltesi); Along the north shore of the bay stood a system of reliefs, a bit ‘higher than 500 m, which dominated the scene (the current Maltese islands); le coste meridionali erano un po’ più dolci, ma un lungo e piatto rilievo si elevava vicino al mare, sino ad oltre 400 m dal pelo delle onde, e di fronte ad esso, non lontano, un’alta isola sorgeva dalle acque del bacino (le attuali isole di Lampedusa – la prima – e di Linosa, quella staccata dalla costa). the southern coasts were a little ‘sweeter, but a long, flat relief had been erected near the sea, up to 400 m from the surface of the waves, and in front of it, not far away, a high island rose from the waters of the basin (the current islands of Lampedusa – the first – and Linosa, that detached from the coast). In direzione nord-ovest, in fondo al grande golfo, si stagliava un imponente picco vulcanico, alto più di 1100 m dalle acque del mare. In the northwest, down the great gulf, loomed a massive volcanic peak, up more than 1100 m from the waters of the sea. Per usare un chiaro riferimento attuale, si trattava di quella che oggi conosciamo come l’isola di Pantelleria. To use a clear reference current, it was what we now know as the island of Pantelleria. Dietro di essa, a nord, la costa saliva a delimitare l’orizzonte, per un’altezza di almeno 300 m. Behind it, to the north, the coast rose to demarcate the horizon, to a height of at least 300 m. Al di là vi era l’altro mare, che riceveva ormai da secoli l’apporto delle acque dall’Oceano, e da lì “era possibile raggiungere le altre isole per coloro che allora compivano le traversate e dalle isole a tutto il continente opposto, che si trovava intorno a quel vero mare (pontos)… Infatti tutto quanto è compreso nei limiti dell’imboccatura di cui ho parlato appare come un porto caratterizzato da una stretta entrata: quell’altro mare, invece, puoi effettivamente chiamarlo mare e quella terra che interamente lo circonda puoi veramente e assai giustamente chiamarla continente.” Beyond there was another sea, he received for centuries the contribution of water from the ocean, and from there “it was possible to reach the other islands for those who then were making crossings and from the islands to the continent opposite, who was around that true sea (pontos) … In fact all that is within the limits of the mouth which I mentioned looks like a port characterized by a narrow entrance: that other sea, however, you can actually call it sea that land that completely surrounds you and really quite rightly call the continent. ” (Platone). (Plato).

MAPPA PER LA LOCALIZZAZIONE DI ATLANTIDE MAP TO THE LOCATION OF ATLANTIS

Quel mare, che era da secoli in collegamento con le acque dell’Oceano tramite la bocca di Gibilterra, era molto vicino a debordare al di qua della sua sponda ea dilagare verso il golfo ed il Mediterraneo orientale, posti ad una quota più bassa. That sea, which was for centuries in connection with the Ocean waters through the mouth of Gibraltar, was very close to spill over on this side of the bank and its spread to the Gulf and the Eastern Mediterranean, located at a lower altitude. Questa era la vera maledizione pendente sul capo del popolo (Atlanti-Tjehenu) che abitava quelle terre, ma essi forse erano convinti che la situazione di precario equilibrio potesse durare in eterno, così come essi l’avevano sempre vissuta. This was the real curse hanging over the head of the people (Atlases-Tjehenu) who lived on those lands, but perhaps they were convinced that the situation of precarious balance would last forever, as they had always lived.
Ad ovest del “porto” o golfo che abbiamo descritto si stendeva un’ampia, fertile pianura irrigua, che ritorniamo a descrivere con le parole usate da Platone. To the west of the “port” or gulf that we have described stretched wide, fertile irrigated plain, that we return to describe with words used by Plato. Essa riceveva da nord le acque della Medjerda, che oggi scendono al mare non lontano da Tunisi, mentre da ovest poteva essere abbondantemente irrigata grazie alle acque provenienti dall’ampio “mare” interno, le cui acque dovevano essere piuttosto dolci. It received from the waters north of Medjerda, now down to the sea not far from Tunis, and from the west could be thoroughly irrigated with waters coming from the large “sea” inside, the water was to be pretty sweet. Quell’estensione di pianura corrisponde, per misure e caratteristiche fisico-climatiche, al territorio descritto da Platone: la distanza dalla chiusura del golfo, verso sud, sino alle sponde del Mediterraneo occidentale, è di 540 km (tremila stadi), e quella dalla costa del golfo sino ai rilievi alle spalle della pianura, che delimitavano il mare interno, di 360 km (duemila stadi). That extension of plain corresponds to measurements and physical-climatic, to the territory described by Plato: the distance from the closure of the Gulf, to the south, to the shores of the western Mediterranean, is 540 km (three thousand stages), and that the gulf coast up to the mountains behind the plain, which bordered the inland sea, 360 km (two thousand stages).
Il filosofo narra che gli abitanti di Atlantide coltivavano – fra l’altro – datteri e banane, in mezzo ad una fauna in cui spiccava la presenza di elefanti. The philosopher said that the Atlanteans cultivated – among other things – dates and bananas, in the midst of a fauna that stood out the presence of elephants.
Dalla costa, la pianura saliva dolcemente verso ovest, in direzione di una cresta di colli di origine vulcanica, ricchi di giacimenti metalliferi, dalla struttura morfologica in prevalenza tufacea. From the coast, the plain rose gently to the west, in the direction of a ridge of hills of volcanic origin, rich in metal deposits, the morphological structure mainly tuff. Al di là della cresta, a circa 450 km di distanza dalle acque del Mediterraneo, si stendeva un enorme bacino d’acqua: un vero e proprio mare, la cui superficie era posta ad una quota di circa 650 m superiore a quella del Mediterraneo. Beyond the ridge, about 450 km away from the waters of the Mediterranean, lay a huge pool of water: a real sea, the surface of which was located at an altitude of about 650 m above the Mediterranean. Quel mare raccoglieva le acque di un vasto bacino pluviale, che andava dall’attuale massiccio degli Aurès, a nord, a sud sino ai massicci del Tassili e dell’Ahaggar (la “montagna Atlante”, secondo il testo di Erodoto), dal quale scendeva il fiume che oggi ha il nome di Wed Igharghar. That sea collected the waters of a large catchment, who went by the current mass of the Aures, north, south up to the peaks of the Tassili and Ahaggar (the “Atlas mountains,” according to the text of Herodotus), from which down the river that now bears the name of Wed Igharghar. Le sue acque, a loro volta, alimentavano un emissario che scendeva verso est, al Mediterraneo: un fiume perenne, che irrigava le terre della vasta pianura. Its waters, in turn, fed an emissary who came down to the east, to the Mediterranean: a perennial river, which irrigated lands of the vast plain.
Quando l’acqua toccava il massimo livello quel mare poteva raggiungere una profondità di circa 350-380 m ed aveva una forma quasi circolare, con una superficie di oltre 280.000 km2, paragonabile per estensione a quella dell’intera penisola italiana. When the water touched the highest level that sea could reach a depth of about 350-380 m and had an almost circular shape, with an area of ??over 280,000 km2, comparable in extent to that of the entire Italian peninsula. Nel fondo del suo bacino oggi c’è un grande sedimento di sabbia, il Grand Erg orientale (Igharghar): uno dei deserti sabbiosi più estesi al mondo. In the bottom of its basin is today a great sand sediment, the Grand Erg Oriental (Igharghar): one of the largest sand deserts in the world. Si può suppone che a quel grande mare fosse attribuito in epoca antica il nome primitivo di “oceano (pelagos) Atlantico”. It can be supposed that great sea was attributed in ancient times the primitive name of “ocean (pelagos) Atlantic”. Per comodità, visto che il mito antico pose in quella regione il Giardino delle Esperidi e che ancora oggi il suo fondo disseccato si chiama “Chott el Djerid” (palude disseccata del giardino, del palmeto), lo chiameremo “il mare dei Giardini”. For convenience, as the ancient myth put in that region the Garden of the Hesperides and still its bottom desiccated called “Chott el Djerid” (dried swamp garden, the palm grove), we’ll call him “the sea of ??the Gardens”.
A sud-ovest del mare dei Giardini, a una distanza di altri 500 km, si ergeva verso il cielo il grande massiccio roccioso dell’Atlante… si tratta della montagna oggi nota col nome berbero di Ahaggar, “nobile”. To the southwest of the Sea Gardens, a distance of another 500 km, rose to the sky the great rocky massif of the Atlas mountain … it is now known as Berber Ahaggar, “noble”. Ricorriamo alla descrizione offertane da Erodoto: Recourse to the description offertane by Herodotus:
“è stretto e circolare da ogni parte ed alto ‹ a quanto si dice ‹ tanto che le sue vette non si possono scorgere: giammai infatti le abbandonano le nubi, né d’estate né d’inverno. Gli indigeni dicono che sia una colonna della volta celeste”. “Is narrow and circular on all sides and high <allegedly <not much that its peaks can be seen: in fact, never leave them in the clouds, summer or winter. The natives say that it is a column of sky “.
Le cime più alte di quel massiccio, nella montagna oggi chiamata Atakor, erano quasi 2800 m più in alto del livello delle acque dell’oceano (ossia 3400 al di sopra del livello del Mediterraneo di allora). The highest peaks of the massif, in the mountain now called Atakor, were almost 2800 m higher than the water level of the ocean (ie 3400 above the level of the Mediterranean at the time). Alle pendici di quella montagna racconta Erodoto viveva un tempo il popolo degli Atlanti: On the slopes of the mountain tells Herodotus once lived the people of the atlases:
“Da questo monte gli abitanti del paese hanno tratto il nome, si chiamano infatti Atlanti. Si dice che essi non si nutrano di alcun essere animato e che non abbiano sogni. “From this mountain, the villagers have taken the name, they call it Atlases. They say that they do not feed on any living being and have no dreams.
Due percorsi principali, tradizionalmente, conducono dalle sponde del Mediterraneo verso le montagne dell’Ahaggar, e corrono l’uno lungo la sponda ovest dell’antico Mare dei Giardini (è la strada che conduce alle oasi di El Goléa e di Ghardaia, “alti luoghi” del turismo sahariano, i cui wed quando portano acqua puntano ancora in direzione del grande mare disseccato), l’altro lungo la sua sponda orientale, ed è la grande “strada dei carri”, cosparsa di dipinti e graffiti rupestri, descritta nelle sue tappe e oasi dal racconto di Erodoto, percorsa a suo tempo anche dalle truppe romane che penetrarono l’Africa sino al bacino del Niger. Two main routes traditionally lead from the shores of the Mediterranean to the mountains of Ahaggar, and run the one along the west bank of the ancient Sea Gardens (is the road that leads to the oasis of El Golea and Ghardaia, “high places “of Saharan tourism, whose wed when they bring water still point in the direction of the great sea dried), the other along its eastern shore, and is the great” road wagons “, sprinkled with paintings and rock carvings, described in its stages and oasis from the story of Herodotus, traveled in his time even by Roman troops who penetrated Africa until the Niger basin. La sponda nord era rocciosa, dello stesso tipo di rocce che si frantumarono nel disastro che provocò la fine di Atlantide: sono le gole ei canyon che solcano il versante sud delle montagne degli Aurès e che, in prossimità di Bou Saada, vanno a sfociare sulle prime sabbie dell’antico grande mare. The northern shore was rocky, the same type of rocks that shattered in the disaster that caused the end of Atlantis: are the gorges and canyons that run through the south side of the mountains of Aures and that, in the vicinity of Bou Saada, go on to lead first sands of the great sea. Il fondo disseccato di quel grande mare è occupato ancora oggi da un impenetrabile deserto di sabbia. The bottom of that great seared sea is still occupied by an impenetrable wilderness of sand. Ad ovest, all’interno del primitivo bacino, corre ancora da sud a nord una falda d’acqua abbastanza ricca da fornire vita e nutrimento alle oasi del Souf: in questa regione è sorta El Wed e ad una quota più in alta, verso l’antica sponda occidentale, si trovano Wargla ei pozzi petroliferi di Hassi Messaoud. To the west, in the primitive basin, still runs from south to north a water table rich enough to provide life and nourishment to the oases of Souf: in this region is sort El Wed and to a share in the most high, towards ‘old west bank, are Wargla and oil fields of Hassi Messaoud.
In quella regione viveva un popolo libico o “pre-libico”, prospero per agricoltura e commerci, dotato di una propria struttura di stati “confederati” in una sorta di impero. In that region there lived a Libyan people, or “pre-Libyan”, prosperous agriculture and commerce, with its own structure were “confederates” in a sort of empire. Quegli uomini erano grandi costruttori e grandi navigatori e usavano una scrittura, presumibilmente simile a quella libico-berbera; These men were great builders and great navigators and used a writing, presumably similar to the Libyan-Berber; nei geroglifici egizi erano chiamato Tjehenu e nei testi greci Atlantói. in Egyptian hieroglyphs were called Tjehenu and Greek texts Atlantói. Diversi popoli erano loro confederati o vassalli (e ne ritroveremo taluni nell’elenco dei popoli del mare che sciamarono verso l’Egitto, dopo la catastrofe finale). Several people were their confederates or vassals (and shall we find certain list of the Sea Peoples who swarmed into Egypt, after the final catastrophe).

Un carro da guerra o da caccia, dai dipinti rupestri di Jabbaren, nel massiccio dei Tassili, tra l’Algeria e la Libia. A war chariot and hunting, by cave paintings of Jabbaren, in the massif of the Tassili, between Algeria and Libya.

Se vogliamo provare a riunire gli indizi offerti dai vari autori dell’epoca classica, quel popolo poteva essere giunto alle coste del Mediterraneo dalla grande montagna dell’interno, detta Atlante, al di là del mare “sospeso”, con una migrazione di oltre 2000 km. If we want to try to bring together the clues offered by the various authors of the classical period, the people could have come to the shores of the Mediterranean from the great mountains of the interior, called Atlas, beyond the sea “suspended”, with a migration of more than 2000 km. Almeno sin dal 3000 aC gli Atlanti erano capaci di costruire con grandi blocchi di pietra città fortificate e vivevano in costante confronto con l’impero dei Faraoni, in quel lungo confronto che taluni studiosi hanno chiamato “la guerra del bronzo”. Since at least 3000 BC Atlases were able to build with large stone blocks fortified cities and lived in constant confrontation with the empire of the Pharaohs, in that long confrontation that some scholars have called “the war of the bronze.” Fra i prodotti di vitale importanza per la diffusione della tecnologia, essi detenevano il monopolio di importanti giacimenti di ossidiana, un materiale litico (vetro vulcanico) molto pregiato per la produzione di lame e di altri oggetti d’uso. Among the products of vital importance for the diffusion of technology, they had a monopoly of important deposits of obsidian, a lithic material (volcanic glass) very valuable for the production of blades and other everyday objects. Fra le principali fonti dell’ossidiana nel Mediterraneo, si collocano inftti Pantelleria l’alto picco vulcanico, posto proprio al fondo del loro grande golfo) e le isole Eolie, che dovettero far parte dei territori sotto loro controllo. Among the main sources of obsidian in the Mediterranean, are at the highest volcanic peak inftti Pantelleria, located right at the bottom of their great gulf) and the Aeolian Islands, which had to be part of the territories under their control.
Le miniere di rame nativo (oréi-chalkos) si trovavano sulle colline alle spalle della pianura atlantide, ma una grande innovazione tecnologica fu costituita dall’uso del bronzo, lega tra rame e stagno, con migliori caratteristiche di durezza e di resistenza. The mines of native copper (Orei-chalkos) were located on the hills behind the plain Atlantis, but a great technological innovation was established by the use of bronze alloy of copper and tin, with better hardness and resistance.
L’obiettivo strategico per ottenere il monopolio del bronzo era il controllo delle miniere di stagno, di cui l’Africa è priva. The strategic objective to obtain a monopoly of the bronze was the control of the tin mines, of which Africa is lacking. I Faraoni sostennero per questo la lunga guerra contro gli Hittiti e conquistarono il controllo delle miniere dell’Anatolia. The Pharaohs supported for this the long war against the Hittites and conquered the control of the mines of Anatolia. Gli Atlanti dovettero rivolgersi altroveò il loro stagno proveniva dal sud-ovest della penisola iberica, e forse dalla Cornovaglia. Atlases had to turn altroveò their pond came from the south-west of the Iberian peninsula, and perhaps from Cornwall. In effetti, la rete dei loro rapporti commerciali potrebbe essere stata connessa con la diffusione delle “culture megalitiche” in Europa e nel Mediterraneo occidentale. In fact, the network of their business relations may have been connected with the spread of the “megalithic cultures” in Europe and in the western Mediterranean.
Secondo il racconto sviluppato da Platone nei suoi Dialoghi, la società atlantide era strutturata in un sistema statale (una confederazione di piccole monarchie, a quanto pare di poter interpretare il racconto del filosofo), che praticava l’agricoltura, costruiva città, fondeva i metalli (oro, rame e stagno) e aveva scoperto il modo di legarli per ottenere il bronzo, conosceva la scrittura, aveva praticato un espansionismo di conquiste estese sino alla Tirrenia (attuali Lazio e Toscana), combatteva da 2000 anni contro i signori dell’Egitto ed era entrata in conflitto con popolazioni pelasgiche che vivevano sulle coste della pianura egea… i suoi combattenti sono stati raffigurati in bassorilievi egizi e nei dipinti rupestri delle piste sahariane, usavano carri da guerra e da caccia trainati da cavalli, e Platone si sofferma a lungo su una serie di usanze di quel popolo sulle quali, oggi, non possiamo esprimere molti dubbi… According to the story developed by Plato in his Dialogues, the company Atlantis was structured in a state system (a confederation of small monarchies, it seems to be able to interpret the story of the philosopher), who practiced agriculture, built cities, fused metals (gold, copper and tin) and had found a way to tie them to get the bronze, knew the writing, had practiced an expansionism of conquests extended until Tirrenia (current Lazio and Tuscany), fought for 2000 years against the rulers of Egypt and had entered into conflict with Pelasgian populations that lived on the shores of the Aegean plain … his fighters were depicted in Egyptian reliefs and paintings in the cave of the ski safari jackets, used chariots drawn by horses and hunting, and Plato dwells long on a set of customs of that people over which, today, we can not express many doubts …

Un guerriero dal copricapo piumato, dai dipinti rupestri di Jabbaren (1500 ca. aC) A warrior from the feathered headdress, from cave paintings to Jabbaren (1500 BC)


Secondo Platone, i sacerdoti di Sais avevaro raccontato a Solone che grandi siccità, mai viste prima, avevano calcinato la terra intera, immensi incendi avevano imperversato sulle contrade e distrutto le foreste, fulmini erano caduti dal cielo, terremoti avevano scosso il pianeta, provocando grandi e considerevoli distruzioni, disseccando sorgenti e fiumi. According to Plato, the priests of Sais avevaro told Solon that big drought, never seen before, had calcined the whole earth, huge fires had raged on lands and destroyed forests, lightning had fallen from heaven, earthquakes had shaken the planet, causing large and considerable destruction, searing springs and rivers. Alle siccità sarebbero sopravvenute le inondazioni ed enormi trombe d’acqua si sarebbero riversate sulla terra, inghiottendo – tra l’altro – l’isola degli Atlanti. Droughts and floods would have been incurred huge trumpets of water would be poured out upon the earth, swallowing – among other things – the island of Atlas. Quei cataclismi sembravano segnare una fase di transizione, il passaggio da un periodo con un clima più caldo ad un’altra fase, con condizioni di vita più dure. Those cataclysms seemed to mark a transition, the transition from a period with a warmer climate to another phase, with living conditions tougher.
Corrispondono tali descrizioni a mutamenti climatici che potrebbero essere realmente avvenuti nel sec. These descriptions correspond to climate change that could be actually occurred in sec. XIII aC? XIII BC?


Secondo altri documenti contemporanei (le iscrizioni egizie di Medinet Habu, l’Esodo biblico), le catastrofi descritte avvennero veramente. According to other contemporary documents (the Egyptian inscriptions of Medinet Habu, the biblical Exodus), the disasters described really happened. Fu proprio verso il sec. It was toward the sec. XIII aC che la Libia (Nordafrica) conobbe il culmine di una grande fase di desertificazione. XIII BC that Libya (North Africa) experienced the culmination of a major phase of desertification. Un’iscrizione di Karnak precisa: “I Libici vengono in Egitto per cercare di sopravvivere”. Karnak inscription states: “The Libyans are in Egypt to try to survive.” Anche il mito di Fetonte può ricordare una serie di drammatiche siccità che colpì il Mediterraneo, “all’origine della storia dei Greci”. Even the myth of Phaeton may remember a series of dramatic drought that hit the Mediterranean, “the origin of the history of the Greeks.”

Tutto quel mondo che abbiamo descritto finì nello spazio di ventiquattr’ore, in un giorno di un anno compreso tra il 1235 e il 1220 aC. All over the world that we have described ended in the space of twenty-four hours in a day than a year between 1235 and 1220 BC. Una serie di violenti terremoti incrinò seriamente la consistenza degli sbarramenti rocciosi (fatti di tufo e quindi abbastanza friabili, forse già indeboliti da infiltrazioni d’acqua) e aprì alcune brecce, che ben presto cedettero di fronte alla pressione delle acque dei due grandi bacini posti alle quote superiori: il mare sahariano e il Mediterraneo occidentale, costantemente rifornito dalle acque dell’Oceano. A series of earthquakes seriously cracked the consistency of rock weirs (made of tuff and therefore quite friable, perhaps already weakened by water infiltration) and opened some gaps, which soon gave way to the pressure of the water in front of two large basins places at higher altitudes, the sea and the Mediterranean Western Sahara, constantly replenished by the waters of. Le acque si fecero strada con impeto in canaloni larghi decine di chilometri, con ondate di piena veramente immani, neppure lontanamente paragonabili a quella del Vajont, che è drammaticamente rimasta nella memoria degli italiani. The waters made their way impetuously in gullies tens of kilometers wide, with flooding, really huge, even remotely comparable to that of the Vajont, which is dramatically remained in the memory of the Italians. Pur calcolando per difetto il volume del mare sahariano, abbiamo detto che esso in antico conteneva almeno 50.000 chilometri cubi d’acqua, sino ad una quota massima di 650 m sul livello del Mediterraneo orientale. While calculating for defect the volume of sea Saharan, we said that in ancient times it contained at least 50,000 cubic kilometers of water, up to a maximum altitude of 650 m above the Eastern Mediterranean. Per determinare l’energia potenziale di quell’ondata, potremmo schematicamente identificare il baricentro della massa d’acqua versata a + 350 m. To determine the potential energy of that wave, we could schematically identify the center of gravity of the mass of water poured at + 350 m. Ne sarebbe derivato l’impatto di un’energia equivalente almeno a 17,5 x 1015 kgm = 17 x 1016 Joule. It results the impact of energy equivalent to at least 17.5 x 17 x 1016 = 1015 kgm Joule. Supponiamo pure che il livello dell’acqua nell’invaso originale potesse essere già sceso di molto, all’epoca della catastrofe, a causa dei sopravvenuti cambiamenti climatici, ma certo un’ingente l’onda d’urto si poté rovesciare sulla pianura sottostante. Suppose also that the water level in the reservoir could be original already fallen a great deal, at the time of the disaster, which occurred because of climate change, but certainly un’ingente the shock wave could topple the plains below. Per distruggere e spazzar via completamente Atlantide, sarebbe bastata un’ondata costituita da meno di un decimo del volume del mare superiore, riversata dal dislivello allora esistente con il bassopiano. To destroy and wipe out completely Atlantis, would have been enough wave consists of less than a tenth of the volume of the upper ocean, then poured on the gradient exists with the lowlands. L’enorme cascata andò a colpire con un impatto diretto l’isola con la capitale di Atlantide, che si trovava ad una distanza di circa 600 km dallo sbarramento. The huge waterfall went to hit with a direct impact on the island with the capital of Atlantis, which was located at a distance of about 600 km from the dam.
Ancora oggi, a chi guardi con attenzione su una carta geografica o su una foto satellitare la regione del Grand Erg orientale, del Golfo di Gabès e della Piccola Sirte, l’antica catastrofe traspare “tra le righe”: il Golfo di Gabès appare come un vero e proprio “imbuto” e non è difficile immaginarsi l’enorme massa d’acqua che vi si scaricò, per riversarsi, con grandi quantità con fango e sabbia, nei bassifondi antistanti, che un tempo dovevano costituire una fertile pianura. Even today, those who look carefully on a map or on a satellite photo of the region of the Grand Erg Oriental, the Gulf of Gabes and Small Sirte, the ancient catastrophe transpires “between the lines”: the Gulf of Gabès appears as a real “funnel” and it is not difficult to imagine the huge mass of water that is discharged, to pour, with large amounts of mud and sand, in the gutter in front, which once had to be a fertile plain. Dobbiamo ancora spiegarci, però, perché mai quella zona sia poi rimasta, nei secoli, annegata sotto le acque. We still have to explain, however, why that area is then left, over the centuries, flooded by the waters.

Guerriero dal copricapo piumato, dal ciclo di bassorilievi che mostra l’invasione dei “popoli del mare”, nel tempio funerario del faraone Ramses III a Medinet Habu (1200 ca. aC). Warrior from feathered headdress, from the cycle of bas-reliefs showing the invasion of the “Sea Peoples”, in the mortuary temple of Pharaoh Ramses III at Medinet Habu (1200 BC).

La stessa serie di terremoti ruppe altri diaframmi rocciosi: innanzitutto quello che delimitava a nord la grande pianura in declivio e che costeggiava un mare a un livello più basso, ma di gran lunga più pericoloso: perché quel mare era ormai collegato agli Oceani, e da loro riceveva un afflusso d’acqua costante. The same series of earthquakes broke other rock diaphragms: first one that marked the great plains in north slope and running along a beach at a lower level, but far more dangerous because the sea was now connected to the oceans, and they received an influx of water constant. Quando anche quelle acque cominciarono a riversarsi sulla pianura di Atlantide, la storia di quella civiltà fu definitivamente sommersa sotto centinaia di metri di acqua salata. When even the waters began to pour over the plain of Atlantis, the history of that civilization was finally submerged under hundreds of feet of salt water. I due Mediterranei si fusero in un solo mare. The two Mediterranean merged into a single sea. Fu definitivamente sommersa la pianura dell’Egeo, costellata di rilievi montuosi, che rimasero trasformati in arcipelaghi. Was finally flooded the plain of the Aegean, dotted with mountains, which were transformed into archipelagos. Per alcuni secoli, gli Achei e gli altri antenati delle culture mediterranee videro l’acqua che saliva, copriva i loro porti, le città costiere e portava via i loro migliori terreni coltivabili… Alcuni di loro tentarono di conquistare l’unico rifugio possibile, la grande pianura che s’innalzava lungo il corso del grande fiume Nilo, al riparo dalla salita del mare… ma furono respinti o assorbiti dalla grande civiltà che già, lungo quelle sponde, aveva costruito un impero, destinato a durare nei secoli ea lasciare di sé un’impronta immortale… For several centuries, the Achaeans and other ancestors of Mediterranean cultures saw the water coming up, covered their ports, coastal cities and carried away their best arable land … Some of them tried to conquer the only possible refuge , the great plain that rose along the great river Nile, away from the edge of the sea … but they were rejected or absorbed by the great civilization that already, along those shores, had built an empire, destined to last for centuries and to leave an imprint of himself immortal …
Tutto ciò rimase impresso nei miti di origine della stirpe greca, col diluvio di Deucalione e Pirra, con le grandi epopee di Eracle e degli Argonauti. All that remained imprinted in the myths of origin of Greek lineage, with the flood of Deucalion and Pyrrha, with the great epics of Heracles and the Argonauts.
Il quadro del cataclisma appare completo se immaginiamo che la stessa serie di scosse telluriche provocasse il cedimento del diaframma (istmo roccioso) che collegava l’Italia alla Sicilia, con la conseguente apertura dello stretto di Messina. The framework of the cataclysm appears complete if we imagine that the same series of earthquakes provoked the collapse of the diaphragm (rocky isthmus) linking Italy to Sicily, with the consequent opening of the Strait of Messina.
L’impeto della corrente scavò un solco profondo, un letto tortuoso al centro del canale di Sicilia, intaccando e disgregando le rocce di minore resistenza, e andò a biforcarsi, con violenza, contro le rocce più consistenti dell’imponente picco vulcanico di Pantelleria. The impetus of the current dug a deep furrow, a bed in the middle of the winding channel of Sicily, chipping and breaking the rocks of least resistance, and went to bifurcate, with violence against the rocks larger imposing volcanic peak of Pantelleria. Il risultato dei cataclismi di quel periodo dovette essere un flusso di corrente verso est, dalla portata molto maggiore di quella che, attraverso Gibilterra, alimentava il livello del Mediterraneo; The result of the cataclysms of that period had to be a current flow to the east, the reach much greater than that which, through Gibraltar, fed the level of the Mediterranean; un flusso che durò a lungo, il cui effetto fu probabilmente rafforzato da quello proveniente dallo stretto di Messina. a flow that lasted a long time, the effect of which was probably reinforced by the one coming from the Strait of Messina. Si può calcolare che l’innalzamento delle acque nel Mediterraneo sino al livello attuale abbia comunque impiegato alcuni secoli. It can be calculated that rising waters in the Mediterranean until the current level has nonetheless taken a few centuries. Le acque fluivano come una veloce corrente tra le sabbie ei fanghi che si erano riversati nel golfo della Piccola Sirte dal grande mare sahariano, e salivano di livello sino ai Dardanelli, alla costa siriana, al Delta del Nilo, coprivano tutti i porti dell’antica cultura minoica, trasformavano Ilio in una città marinara, e spingevano sino a lì i conquistatori Achei, ben decisi a impadronirsi dei poteri e delle ricchezze che il nuovo mare rendeva loro accessibili. The water flowed like a fast current in the sands and mud that had poured into the Gulf of Sirte by the great sea Little Sahara, and climbed up to the level of the Dardanelles, the Syrian coast, the Nile Delta, covering all the ports of the ancient Minoan culture, Ilio transformed into a maritime city, and pushed until there conquerors Achaeans, determined to seize the power and wealth that the new sea made them accessible. Altri di loro partirono verso le rovine sommerse dell’antica Atlantide e incontrarono altre vicissitudini (gli Argonauti nella regione delle Esperidi… ). Others of them left towards the submerged ruins of ancient Atlantis and met other vicissitudes (the Argonauts in the region of the Hesperides …). Finirono sommersi tutti gli stabilimenti portuali allora esistenti nell’area del Mediterraneo orientale. They ended up submerged all establishments then existing port in the eastern Mediterranean. Finì sott’acqua ciò che rimaneva della civiltà di Thera, già fortemente colpita dalla gigantesca esplosione vulcanica di due secoli prima; He ended up underwater remnants of the civilization of Thera, already hit hard by the gigantic volcanic explosion of two centuries before; finirono sotto’acqua i templi maltesi, scavati nella grande roccia sacra che era stata, sino ad allora, la “sentinella” di Atlantide. ended sotto’acqua Maltese temples, carved into the great sacred rock that had been, until then, the “sentinel” of Atlantis. La roccaforte maltese ci appare come una delle due primitive “colonne d’Eracle”, e forse la sua collocazione in questo contesto può aiutare a gettare nuova luce sulla ricchezza di insediamenti sacri, di costruzioni ipogee e di ritrovamenti sottomarini che l’attuale isola ei suoi fondali offrono ancora oggi. The Maltese stronghold appears to us as one of the two primitive “Pillars of Hercules”, and perhaps his place in this context can help to shed new light on the richness of sacred settlements, construction of underground and submarine finds that the current island and its waters offer today.
I fanghi, le correnti ei bassi fondali della Piccola Sirte e del Canale di Sicilia resero a lungo difficile la navigazione, come è riferito da Platone e da altri autori classici (incluse le narrazioni del mito degli Argonauti). The sludge, currents and shallow waters of the Little Sirte and the Sicily Channel made a long difficult navigation, as reported by Plato and other classical authors (including narratives of the myth of the Argonauts).
Se è credibile quanto abbiamo esposto, Atlantide non si è mai mossa, non è sprofondata in nessun abisso oceanico. If what we have is credible, Atlantis has never moved, not mired in no oceanic abyss. è stata sconvolta da immani ondate, le sue rovine sono state ricoperte da decine di metri di fango e sabbia e poi da alcune centinaia di metri d’acqua. was upset by enormous waves, its ruins have been covered by dozens of feet of mud and sand and then by some hundred meters of water.
La distruzione del centro economico-culturale di Atlantide può apparire collegata alla “misteriosa” interruzione delle attività di costruzione di complessi megalitici, che intorno a quell’epoca si verificò in tutta l’area del Mediterraneo occidentale: nella penisola iberica, così come in Sardegna e in Corsica e potremmo aggiungere sino alle isole britanniche. The destruction of the economic and cultural center of Atlantis can appear connected to the “mysterious” disruptive construction of megalithic complexes, which occurred around that time in the whole area of ??the western Mediterranean: the Iberian Peninsula, as well as in Sardinia and in Corsica and we could add up to the British Isles. Era scomparso un importante polo di ricchezza e di riferimento, un paese di grandi navigatori, che commerciavano con i paesi più occidentali per importare lo stagno, essenziale a fondere il bronzo, e in cambio esportavano ossidiana ed altri prodotti mediterranei. Gone was an important center of wealth and reference, a country of great navigators, who traded with most Western countries to import tin, essential to melt the bronze, and in exchange they exported Mediterranean obsidian and other products. I popoli ad esso collegati, per i quali era venuto a mancare il principale partner economico, si trovarono così di colpo proiettati in una condizione di “barbarie”, o quanto meno nella nuova esigenza di basarsi su un regime di sussistenza alimentare. The people connected to it, for which he had come to miss the main economic partner, found themselves suddenly thrown into a state of “barbarism”, or at least in the new need to be based on a system of subsistence food.

Gruppo di donne, con acconciatura estremamente moderna, che cavalcano dei bovini. Group of women, with extremely modern hairstyle, riding in cattle. 1500 aC Dai dipinti rupestri di Jabbaren, nel massiccio dei Tassili, tra l’Algeria e la Libia. 1500 BC From the cave paintings of Jabbaren, in the massif of the Tassili, between Algeria and Libya.


Lo svuotamento completo del grande mare africano, avviato dall’improvvisa catastrofe, fu il colpo di grazia per la desertificazione del Nord Africa. Complete emptying of the great African sea, initiated by the sudden catastrophe, was the coup de grace for the desertification of North Africa. Il fenomeno proseguì con l’inaridirsi del clima e col disseccarsi dei corsi d’acqua che alimentavano il bacino dell’Igharghar, e durò più d’un millennio: il livello scese per l’accresciuta evaporazione e gli uomini dell’antichità classica conobbero un grande lago Tritonide, con un fiume Tritone, che scendeva dalle pendici dell’Ahaggar nel letto dell’attuale Wed Igharghar, la cui lunghezza complessiva raggiunse i 2000 km, secondo i calcoli effettuati da Butavand. The phenomenon continued with the drying up of the climate and with the drying up of rivers that fed the basin dell’Igharghar, and lasted more than a millennium: the level dropped to the increased evaporation and men of classical antiquity knew a Tritonis large lake, with a river Triton, coming down from the slopes of the Ahaggar beds Wed Igharghar, whose total length reached 2,000 km, according to calculations made by Butavand.
Assumono così un tragico colore le vicende di quella terra di Atlantide che, secondo il racconto platonico, era stata “assegnata a Poseidone”: letteralmente, in quanto era posta al di sotto del livello del mare (nel significato che oggi assume una tale espressione). Thus assume a tragic color the events of that land of Atlantis that, according to the story Plato, had been “assigned to Poseidon”: literally, as it was located below sea level (in the sense that today assume such an expression) .
Si potrebbe tentare di individuare i diversi livelli costieri sommersi, corrispondenti alla progressione delle acque dal momento della catastrofe di Atlantide sino al completo riempimento del mare Mediterraneo alla quota attuale. You could groped to identify the different levels coastal submerged, corresponding to the progression of the water since the catastrophe of Atlantis until the complete filling of the Mediterranean Sea to the current share. Ma, naturalmente, questo oggi appare solo come un sogno utopistico. But of course, this now appears only as a utopian dream. Un’importante conferma, relativa agli antichi livelli marini, potrebbe provenire dalla ricerca in profondità degli antichi porti minoici, che potrebbero essere identificabili nei fondali intorno all’isola di Creta in modo certo meno complesso e macchinoso di una ricerca che puntasse direttamente al ritrovamento di resti nell’area dell’antica Atlantide. An important confirmation, relative to ancient sea levels, could come from the in-depth research of the ancient Minoan ports, which could be identified in the seabed around the island of Crete so certainly less complex and cumbersome of a research that pointed directly to the discovery of remains in ancient Atlantis.
Se ora proveremo a rileggere i Dialoghi di Platone ea confrontarli con la “nostra” mappa di Atlantide, avremo la netta sensazione che le cose corrispondano e vadano al loro posto. If now we will try to re-read Plato’s Dialogues and to compare them with “our” map of Atlantis, we have the distinct feeling that things match and go in their place. Le acque del mare salivano gradualmente e allagavano le fertili pianure dell’Egeo, lasciandone emergere solo le cime dei rilievi, che si trasformavano in isole, sempre più piccole… ci renderemo conto che i “novemila anni” di Platone devono davvero corrispondere a un periodo lungo, sì, ma “a misura” della stirpe degli Achei e dei Greci, dopo che essi si insediarono nel bacino del Mediterraneo. The waters of the sea and climbed gradually flooded the fertile plains of the Aegean, leaving out only the tops of the mountains, which were transformed into islands, smaller and smaller … we will realize that the “nine thousand years” of Plato must really match a long time, yes, but “to measure” the lineage of the Achaeans and the Greeks, after they settled in the Mediterranean basin.
“Accadute dunque molte e grandi inondazioni per novemila anni (tanti ne sono corsi da quel tempo sino ad ora), la terra, che in quei tempi e avvenimenti scendeva dalle alture, non si ammassò come altrove in monticelli degni di menzione, ma sempre scorrendo scomparve nel profondo del mare: pertanto, come avviene nelle piccole isole, sono rimaste in confronto di quelle d’allora queste ossa quasi di corpo infermo, essendo colata via la terra grassa e molle e rimasto solo il corpo magro della terra. Ma allora ch’era intatta, aveva come monti alte colline, e le pianure ora dette di Felleo erano piene di terra grassa, e sui monti v’era molta selva, di cui ancora restano segni manifesti. Dei monti ve ne sono ora che porgono nutrimento soltanto alle api, ma non è moltissimo tempo che vi furono tagliati alberi per coprire i più grandi edifici, e questi tetti ancora sussistono. V’erano anche molte alte piante coltivate e vasti pascoli per il bestiame. Ogni anno si raccoglieva l’acqua del cielo, e non si disperdeva, come ora, quella che dalla secca terra fluisce nel mare, ma la terra, ricevutane molta, la conservava nel suo seno, e la riportava nelle cavità argillose, e dalle alture la diffondeva nelle valli, formando in ogni luogo ampi gorghi di fonti e di fiumi, dei quali le antiche sorgenti sono rimaste ancora come sacri indizi, che attestano la verità delle mie parole”. “So much happened and major flooding for nine thousand years (there are so many courses from that time until now), the land, which in those times and events coming down from the heights, not amassed as elsewhere in mounds worthy of mention, but always flowing disappeared in the depths of the sea: therefore, as happens in small islands, were compared to those of then these bones almost sick body, being cast away the fat and soft earth and left only the body fat of the land. But then ch ‘was intact, had mountains as high hills, and plains of Felleo now these were full of rich earth, and the mountains there was a lot of forest, of which still remain manifest signs. Of the mountains there are now only to hold out nourishment bees, but it is not a very long time that there were trees cut to cover the larger buildings, and these roofs still exist. There were also many high cultivated plants and vast pastures for livestock. Every year it collected the water of the sky, and not dispersed, as now, that the dry land flowing into the sea, but the land, ricevutane much, kept it in her bosom, and reported in the cavities of clay, and from the heights the spread in the valleys, forming everywhere large eddies of sources and rivers, of which the ancient sources were still as sacred signs, that attest to the truth of my words. “
La fine del centro di Atlantide, che basava la propria potenza sull’egemonia commerciale e culturale nel bacino del Mediterraneo occidentale e del Nord-ovest Africano (diremmo oggi, con un termine arabo, Maghreb), dovette causare diverse gravi conseguenze, di cui è rimasta traccia nei “misteri” di quelle aree: The end of the center of Atlantis, which based its power business and cultural hegemony in the western Mediterranean basin and the North-west African (we would say today, with an Arabic term, Maghreb), had to cause several serious consequences, which is trace remains in the “mysteries” of those areas:

  • Per lungo tempo crollò il commercio dello stagno dalla penisola iberica e dalla Cornovaglia, sino a che non fu rimesso in auge dai commercianti fenici e cartaginesi. For a long time collapsed the tin trade from the Iberian Peninsula and from Cornwall, until it was put back into vogue by Phoenician traders and Carthaginians. L’Egitto, infatti, era soddisfatto del monopolio sul bronzo ottenuto grazie alle guerre contro gli Hittiti, e la fine di Atlantide costituì per i Faraoni un insperato ausilio all’abolizione di una pericolosa concorrenza sulla produzione della preziosa lega (benché l’arrivo nell’area del Mediterraneo degli Achei, dotati di armi di ferro, avesse considerevolmente ridotto l’importanza strategica del bronzo). Egypt, in fact, was pleased with the monopoly on the bronze obtained thanks to the wars against the Hittites, and the end of Atlantis formed for the Pharaohs an unexpected aid to the abolition of a dangerous competition on the production of the precious alloy (although the arrival in ‘Mediterranean area of ??the Achaeans, with iron weapons, had considerably reduced the strategic importance of the bronze).
  • Scomparvero “misteriosamente” i costruttori di megaliti, in tutto l’arco del Mediterraneo occidentale. Disappeared “mysteriously” builders of megaliths, in the whole of the western Mediterranean. Una volta diminuite le risorse economiche, la popolazione locale era ricaduta in un regime di povertà e di sussistenza alimentare, che non permetteva certo la concezione e la realizzazione di grandi opere. Once decreased economic resources, the local population had fallen into a regime of poverty and subsistence food, which did not allow certain the design and construction of major works.
  • Le successive occupazioni delle grandi isole (Sardegna e Corsica) da parte dei popoli del mare fecero sprofondare sempre più nel mistero le origini di quel “popolo dei megaliti” che li aveva preceduti. The subsequent occupation of large islands (Sardinia and Corsica) by the peoples of the sea made sinks further into the mystery of the origins of the “people of the megaliths” that had preceded them.
  • Un piccolo gruppo di sopravvissuti del popolo Tjehenu conservò forse il ricordo di una parte degli antichi miti. A small group of survivors of the people Tjehenu preserved perhaps the memory of a part of the ancient myths. La mitica regina Tin Hinan, sepolta nel massiccio dell’Ahaggar, nel cuore del Sahara, ne può costituire una traccia, almeno nella permanenza del nome, così come l’alfabeto tifinagh, usato nelle più antiche lingue libico-berbere. The legendary Queen Tin Hinan, buried in the massif Ahaggar, in the heart of the Sahara, it may be a trace, at least in the permanence of the name, as well as the alphabet Tifinagh, used in the most ancient Libyan-Berber languages. Certamente, però, l’entità e le modalità della catastrofe sopra descritta furono tali da sterminare l’intero gruppo dirigente, che doveva abitare nella città capitale e nella vasta e fertile pianura, devastate dall’onda di tracimazione del “mare dei Giardini”. Certainly, however, the size and scope of this catastrophe described above were such as to exterminate the entire management team, who had to live in the capital city and in the vast and fertile plains, devastated by the wave overtopping of the “sea of ??the Gardens”.

Un’obiezione che mi è capitata di ricevere più volte, nel corso dello svolgimento di questa indagine, è stata: ” ma se tutta la storia era così evidente, perché nessuno l’ha mai scritta prima?” An objection that happened to me to receive several times, during the course of this investigation, was, “but if the whole story was so obvious, because no one has ever written before?” La risposta è molto semplice: “è proprio perché qualcuno l’ha scritta, che possiamo raccontare questa storia. L’ha scritta Platone, e con grande precisione; ne hanno scritte delle parti importanti Eudosso di Cnido, Diodoro Siculo ed altri autori antichi, ne hanno scritte e raffigurate altre parti i cronisti dell’Antico Egitto, con una precisione che sarebbe invidiabile da parte di molti cronisti moderni… si trattava di raccogliere una serie di “pezzi sparsi”, metterli insieme e partire sulle tracce di un disastro i cui superstiti non sono rimasti per raccontarlo… un “Vajont” dei tempi antichi, avvenuto in uno spazio e in un tempo incredibilmente vicini a noi, molto più di quanto ogni nostra fantasia non ci consentisse di immaginare. The answer is very simple: “it is because someone has written, we can tell this story. He has written Plato, and with great precision, have written the important parts Eudoxus of Cnidus, Diodorus of Sicily and other ancient authors, I have written and depicted elsewhere chroniclers of ancient Egypt, with a precision that would be enviable by many modern reporters … it came to collect a number of “parts”, put them together and go on the trail of a disaster whose survivors are left to tell the tale … a “Vajont” of ancient times, took place in a space and in an incredibly close to us, much more than all our imagination does not allow us to imagine.
Dobbiamo essere grati all’attenzione di Platone che ha tramandato con una tale ricchezza di particolari il resoconto di Solone su Atlantide: una memoria che sarebbe potuta scomparire, sepolta nell’oblio, come tanti altri eventi dimenticati, nel corso della storia dell’uomo. We must be grateful to the attention of Plato that has passed with such a wealth of detail the report of Solon on Atlantis: a memory that could have disappeared, buried in oblivion, like many other forgotten events in the course of human history.

di Alberto Arecchi Alberto Arecchi
liutprand@iol.it liutprand@iol.it
www.liutprand.it www.liutprand.it